Collegati con noi

Primo Piano

Claudio Baglioni: da oggi in radio “Uomo di varie età”

Pubblicata

il

Foto di copertina di Alessandro Dobici

MILANO – Da oggi, venerdì 18 dicembre, è in radio “UOMO DI VARIE ETÀ”, il nuovo singolo di CLAUDIO BAGLIONI, dopo“GLI ANNI PIÙ BELLI” e “IO NON SONO LÌ”, estratto da “IN QUESTA STORIA CHE È LA MIA” (Sony Music), ilnuovo album con 14 inediti pubblicato il 4 dicembre.

«Sembra un gioco di parole e, invece, è la verità – commenta CLAUDIO BAGLIONI in merito al brano “Uomo di varie età” Sono un uomo di varie età, almeno nel doppio senso essenziale che questa definizione contiene: le stagioni della vita, innanzitutto – l’infanzia con la folgorazione della musica; l’adolescenza, passata a rincorrere il sogno di fare di quell’arte la mia vita; gioventù e maturità, a vivere consensi e successi inimmaginabili e infinitamente al di là di qualunque aspettativa – ma anche le varie stagioni musicali, tutte profondamente diverse tra loro, vissute e create in questi cinquant’anni di dischi e concerti.

“Uomo di varie età” è tutto questo. Un brano che non è solo la mia storia personale di uomo e artista fatta canzone, ma che è anche il sistema linfatico nel quale scorrono energie, vibrazioni, pensieri, desideri e sogni di questo album-racconto, che ha la struttura di un’Opera breve, e del quale questa rock-ballad incarna il tema melodico principale.

Un tema che viene annunciato in quella sorta di ‘ouverture’ che ho chiamato “capostoria”; che riemerge tra un brano e l’altro, in quattro interludi, pianoforte e voce (“1. non so com’è cominciata”, “2. al pianoforte ogni giorno”, “3. e firmo in fede un contratto”, “4. adesso è strano pensare”) e che – dopo la rock-ballad intitolata, appunto, “Uomo di varie età” – ritorna, un’ultima volta nella “coda” (“finestoria”) guidata dalla chitarra acustica, a chiudere il cerchio di alcuni tra gli istanti, gli accadimenti e gli incontri più intensi che mi hanno accompagnato “In questa storia che è la mia”».

 

A sole due settimane dalla data di pubblicazione, “IN QUESTA STORIA CHE È LA MIA”, sedicesimo album realizzato in studio della cinquantennale carriera di CLAUDIO BAGLIONI, uscito a sette anni da “ConVoi”, ha già raggiunto le 45.000 copie vendute (conto delle vendite attraverso i canali tradizionali e quelle in edicola con TV Sorrisi e Canzoni) e un milione di streaming.

 

«“In questa storia che è la mia” è un invito – dichiara CLAUDIO BAGLIONI – Una spinta a rileggere la nostra storia. La storia di ciascuno di noi, di queste pagine di musica e parole, che abbiamo scritto e vissuto insieme, e di questo tempo che – sebbene non si leggano – porta anche le nostre firme».

 

14 brani, 1 ouverture, 4 interludi piano e voce, 1 finale: un “concept” che disegna la parabola dell’amore, sia personale che universale, riflettendo sul modo nel quale questa forza straordinaria che tutti viviamo senza conoscerla mai veramente, travolga le nostre esistenze, rendendole esperienze uniche e sempre degne di essere vissute. Una vita in quattordici storie che le passano attraverso.

 

La tracklist di “IN QUESTA STORIA CHE È LA MIA”:

 

capostoria

altrove e qui   

  1. non so com’è cominciata

gli anni più belli   

quello che sarà di noi   

in un mondo nuovo

  1. al pianoforte ogni giorno

come ti dirò   

uno e due    

mentre il fiume va

  1. e firmo in fede un contratto

pioggia blu   

mal d’amore    

reo confesso  

  1. adesso è strano pensare

io non sono lì    

lei lei lei lei    

dodici note   

uomo di varie età   

finestoria

 

Nel formato digitale e deluxe dell’album sono inoltre presenti le versioni acustiche – voce e piano, voce e chitarra – dei brani: “Gli anni più belli”, “Mal d’amore”, “Io non sono lì”, “Dodici note”.

 

«Un album ideato e composto come una volta – racconta CLAUDIO BAGLIONI – Vero, sincero, fatto a mano e interamente suonato. È un progetto al quale ho dedicato tutto me stesso, a partire dalla scrittura, strutturata come non accadeva da tempo, su linee melodiche e processi armonici che la musica popolare, sembra offrire sempre meno. Le sonorità sono tutte vere – nel senso di “acustiche” – basso, batteria, pianoforte, chitarre, archi, fiati, voce e cori – e il ricorso all’elettronica è stato dedicato, esclusivamente, alla cura degli effetti suono e delle atmosfere. Ne sono venuti fuori quattordici pezzi suonati dalla prima all’ultima nota, da un gruppo di musicisti straordinari, che fanno quello che ci si aspetta da loro: suonare con tutta la creatività, l’invenzione, l’energia e la passione – in una parola: la musicalità – che hanno dentro».

 

Oltre alla versione digitale (https://claudiobaglioni.lnk.to/inquestastoriacheelamia), l’album è disponibile in 5 versioni:

  • CD singolo (14 canzoni inedite)
  • 2CD deluxe (14 canzoni inedite, 4 brani in versione acustica, foto esclusive)
  • 2LP 180gr black (14 canzoni inedite)
  • 2LP 180gr black – deluxe (14 canzoni inedite, 2 brani in versione acustica, foto esclusive)
  • 2LP 180gr black – deluxe *Esclusiva Amazon* (14 canzoni inedite, 2 brani in versione acustica, foto esclusive e poster autografato).

 

È inoltre possibile acquistare l’album in formato CD singolo in edicola, in abbinamento a TV Sorrisi e Canzoni.

 

CLAUDIO BAGLIONI tornerà sulle scene live nel 2021 con lo spettacolo “DODICI NOTE, in cui la musica e le parole del cantante e compositore italiano si fonderanno in una dimensione live di pop-rock sinfonico che unirà grande orchestra classica, coro lirico, big band e voci moderne.

 

DODICI NOTE” partirà dalle Terme di Caracalla di Roma, dal 4 al 18 giugno 2021: 12 serate con l’orchestra sinfonica, il coro lirico, il suo gruppo di solisti e coristi.

 

A questi 12 concerti, seguiranno 4 appuntamenti live in due teatri luoghi d’arte unici al mondo: il 16 e 17 luglio al Teatro Greco di Siracusa e l’11 e 12 settembre all’Arena di Verona.

 

Queste le date di “DODICI NOTE”, prodotte e organizzate da Friends & Partners, in collaborazione con il Teatro dell’Opera di Roma per le date alle Terme di Caracalla (per la prima volta in assoluto la stagione estiva dell’Opera di Roma alle Terme di Caracalla ospiterà dodici serate consecutive dello stesso artista):

 

   4 giugno 2021 – Terme di Caracalla – ROMA (recupero    6 giugno 2020)

   5 giugno 2021 – Terme di Caracalla – ROMA (recupero    7 giugno 2020)

   6 giugno 2021 – Terme di Caracalla – ROMA (recupero    8 giugno 2020)

  8 giugno 2021 – Terme di Caracalla – ROMA (recupero    9 giugno 2020)

   9 giugno 2021 – Terme di Caracalla – ROMA (recupero  10 giugno 2020)

10 giugno 2021 – Terme di Caracalla – ROMA (recupero  11 giugno 2020)

12 giugno 2021 – Terme di Caracalla – ROMA (recupero  13 giugno 2020)

13 giugno 2021 – Terme di Caracalla – ROMA (recupero  14 giugno 2020)

14 giugno 2021 – Terme di Caracalla – ROMA (recupero  15 giugno 2020)

15 giugno 2021 – Terme di Caracalla – ROMA (recupero  16 giugno 2020)

17 giugno 2021 – Terme di Caracalla – ROMA (recupero  17 giugno 2020)

18 giugno 2021 – Terme di Caracalla – ROMA (recupero  18 giugno 2020)

 

16 luglio 2021 – Teatro Greco di SIRACUSA (recupero 17 luglio 2020)

17 luglio 2021 – Teatro Greco di SIRACUSA

 11 settembre 2021 – Arena di VERONA (recupero 18 settembre 2020)

12 settembre 2021 – Arena di VERONA

 

I biglietti sono disponibili su TicketOne.it, nei punti vendita e nelle prevendite abituali.

I biglietti già acquistati per le date inizialmente previste per il 2020 rimangono validi per le nuove date corrispondenti. Per informazioni: www.friendsandpartners.it e www.ticketone.it

 

Radio Italia è radio partner delle date.

TIM è sponsor unico del tour.

 

Musicista, autore, compositore, interprete. Oltre 60 milioni di copie vendute in tutto il mondo. Una carriera unica e irripetibile, quella di CLAUDIO BAGLIONI, un artista che, dalla fine degli anni Sessanta a oggi, è riuscito a conquistare una generazione dopo l’altra, grazie a un repertorio pop, melodico e raffinato, nel quale ha saputo fondere canzone d’autore e rock, sonorità internazionali, world music e jazz, rivoluzionando il concetto stesso di performance live – il primo a inaugurare la stagione dei grandi raduni negli stadi e ancora il primo, nel 1991, a “far scomparire il palco” e portare la scena al centro delle Arene più importanti e prestigiose d’Italia – in ambito musicale, sociale e televisivo.

Continua a leggere

Ultimora

Nasce Music Creators, un nuovo modo di concepire digitale e reale

Pubblicata

il

Da

Music Creators
MILANO – Nasce Music Creators, un percorso esperienziale e immersivo che si propone di offrire agli studenti un nuovo modo di concepire il rapporto tra mondo digitale e mondo reale in ambito artistico.

I nuovi media non danno solo la possibilità di promuovere i propri progetti in modo immediato, economico e straordinariamente efficace ma, grazie alle nuove piattaforme di crowdfunding, ora consentono anche la possibilità di trovare nuove forme di sostentamento per i musicisti e danno vita a nuove professioni come quella del Music Creator. I Creators sono gli artisti che concepiscono il loro modo di esprimersi soprattutto in relazione alla fruizione delle loro creazioni in ambito digitale. La loro attenzione non è più sulla vendita delle opere ma nel dedicarsi alla produzione artistica in virtù di un sostegno costante che il pubblico offre loro, anche economicamente.

I musicisti devono necessariamente acquisire nuove competenze sia per la gestione dei mezzi tecnici che si andranno a sfruttare quanto per l’evoluzione dell’approccio compositivo ed espressivo in ambito artistico.

Ed è questo lo scopo di Music Creators, progetto realizzato da Percentomusica, uno dei più noti centri per la formazione professionale dei musicisti sul territorio nazionale, e fruibile gratuitamente a 28 studenti grazie al contributo offerto dalla Regione Lazio.

La Regione offre infatti una borsa di studio a copertura totale dei costi per gli studenti che verranno selezionati perché ritenuti più idonei in funzione delle loro qualità musicali, della loro propensione per i mezzi digitali e anche in funzione del loro background socio-economico.

Le lezioni si svolgeranno in presenza, nel pieno rispetto della vigente normativa anti-Covid e avranno luogo presso la sede del centro a Roma in Via dei Cessati Spiriti 89, nel Quartiere Appio-Latino.
Le lezioni dedicate al video shooting si svolgeranno invece presso gli studi di Musicoff sempre a Roma nel quartiere Laurentino.
Gli studenti frequenteranno un corso intensivo nel mese di dicembre 2021 per un totale di circa 80 ore di lezioni a cura di alcuni degli straordinari docenti del centro come Fabio Zeppetella, Massimo Moriconi, Massimo Fedeli, Stefano Micarelli, Francesco Lo Cascio, con il contributo di importanti ospiti come Roberto Conrado (autore di musiche per Renato Zero, Califano, etc.) per l’area songwriting, Thomas Colasanti fondatore di Musicoff per l’area competenze tecnologiche.
Ad offrire la loro testimonianza e a raccontare ai ragazzi le dinamiche reali della costruzione della professione musicale tramite i social ci saranno artisti come Marco Cirillo, diplomato Percentomusica che con il suo canale YouTube dedicato alla didattica della chitarra a raccolto oltre 600.000 followers o Giacomo Turra che durante il black friday ha diffuso la sua musica in rete conquistando 200.000 followers oltre all’attenzione degli addetti ai lavori a livello internazionale.

Non mancheranno i responsabili di Patreon a raccontare come funziona la creator economy e in cosa consiste la piattaforma che può garantire un reddito stabile ai musicisti grazie al sostegno dei fans e che ora ha raggiunto un valore di oltre 4 miliardi di dollari.

Per richiedere l’assegnazione del bando è sufficiente compilare entro il 6 dicembre il modulo che potete trovare al seguente link:

 
Continua a leggere

Primo Piano

Festival di Sanremo: ecco i nomi dei big dell’edizione 2022

Pubblicata

il

ROMA – Amadeus ha svelato  i 22 cantanti in gara nella 72esima edizione del Festival di Sanremo in programma dall’1 al 5 febbraio 2022. Elisa, Dargen D’Amico, Gianni Morandi, Ditonellapiaga con Donatella Rettore, Le Vibrazioni, Sangiovanni, Massimo Ranieri, Highsnob e Hu, Noemi, La Rappresentante di lista, Ana Mena. E ancora Iva Zanicchi, Emma, Achille Lauro, Michele Bravi, Rkomi, Fabrizio Moro, Mahmood e Blanco, Giusy Ferreri, Irama, Giovanni Truppi, Aka 7even.

Continua a leggere

Cinema

CortiSonanti 2021, le ultime tre giornate del festival in programma al Metropolitan, Institut Français e Maschio Angioino

Pubblicata

il

La XII edizione di “CortiSonanti”, il festival internazionale di cortometraggi organizzato dall’associazione culturale AlchemicartS con il sostegno della Regione Campania e del Comune di Napoli, entra nel vivo. Fino al 20 novembre il festival diretto da Nicola Castaldo e Mauro Manganiello presenta la visione di un’ampia vetrina di film brevi provenienti da varie parti del mondo. Tra il Cinema Metropolitan (18/11), l’Institut Français Napoli (19/11) e il Maschio Angioino (20/11) passeranno in rassegna 53 opere selezionate dalla giuria presieduta da Rosita Marchese, tra le 985 iscritte al concorso e provenienti da 70 paesi.

Animazione, documentari, videoclip musicali, sport, ECOrti, corti italiani e corti internazionali sono le 7 categorie del concorso ufficiale a cui si aggiunge quest’anno la categoria DNApoli, una sezione speciale dedicata alle produzioni e ai protagonisti partenopei. Anche in questa edizione non mancheranno il Social Short web – contest online promosso da diverse realtà del settore terziario di supporto al mondo audiovisivo – e La cittadella del corto, vetrina dedicata agli istituti scolastici con 8 titoli finalisti.

Tra gli ospiti attesi al festival CortiSonanti 2021: le attrici Giovanna Rei e Serena Iansiti (premiate per il loro lavoro nel cinema e nel settore audiovisivo), Ludovica Nasti (in gara con “Il Nostro Nome è Anna” di Mattia Vannuzzi Mura), Ferran Paredes Rubio (direttore della fotografia, tra gli altri, di Edoardo De Angelis), lo scrittore Tim Willocks (autore del film-documentario di Steven Spielberg, The “Unfinished Journey”), la regista e sceneggiatrice Valentina Bertuzzi, il regista Eitan Pitigliani. E ancora, Maddalena Stornaiuolo, la coreografa Anna Cuoccolo, le attrici Mirea Flavia Stellato e Irene Antonucci, il montatore Marco Spoletini e l’attore Vincenzo Vivenzio. Conduttrice della serata finale, con la premiazione dei vincitori – in programma al Maschio Angioino sabato 20 novembre dalle ore 18 – sarà Mariagrazia Toscano.

A contendersi la vittoria come miglior cortometraggio internazionale saranno le 2 nomination agli Academy Awards 2021 “Feeling Through” di Doug Roland e The Letter Room di Elvira Lind; l’inglese David Bartlett con “Mousie (struggente storia di una bambina rom nella Berlino della seconda guerra mondiale); l’irlandese Ryan Williams Harris con “Eggshell”; l’italo-americana Coxy Chiara Rodoni con “The Imperfect Picture” e Cristina Spina con “500 Calories”, con l’eccezionale partecipazione di Kathleen Chalfant.  Tra i titoli selezionati quest’anno, da segnalare “La Stanza” di Giuseppe Alessio Nuzzo con Michele Placido; “27 Marzo 2020” di Alessandro Haber nelle vesti di attore e regista; “La Stanza più Fredda” di Francesco Rossi, già vincitore del Globo d’Oro 2021; “Bataclan” di Emanuele Aldrovandi, vincitore dei Nastri d’Argento 2021; “Anne” di Domenico Croce e Stefano Malchiodi, vincitore dei David Donatello 2021; “Las Americas ‘84” di Marcos GualdaCon i Pedoni tra Le Nuvole” di Maurizio Rigatti con Nicola Amato Milena Vukotic; “L’Ora delle Nuvole” di Mario Sposito con Gigi Savoia e “Verdiana” di Elena Beatrice e Daniele Lince con Angela Finocchiaro e Dario Leone.  Tutti i corti in concorso sono disponibili per la visione on demand gratuita sulla piattaforma del festival: www.cortisonanti.it.

Continua a leggere

Primo Piano